Notizie di attualità dall’associazione energo

5 ottobre 2011:
«Risparmiata l’energia di 810 case monofamiliari – riconoscimenti per 7 edifici della Posta»

Grazie all’ottimizzazione della tecnica degli edifici in sette edifici della Posta, è stato possibile ridurre di 1'800 tonnellate il consumo di CO2.

Tutti parlano dell’abbandono dell’energia nucleare. Si dimentica però un pilastro centrale della politica energetica: l’efficienza energetica. Con una spesa modica è possibile risparmiare molta energia.

Il Gigante giallo si rivela particolarmente progredito: la Posta svizzera ha ottimizzato la propria tecnica degli edifici in sette grandi edifici. In questo modo è stato possibile conseguire netti miglioramenti. Sinora sono stati risparmiati all’anno circa 10’500 megawattora ovvero 1800 tonnellate di CO2, pari al fabbisogno energetico annuale di 810 case monofamiliari.

CH_20111019_POSTGEBAEUDESCHOENBURGBERN.JPG
Edificio della posta di Schönburg, Berna (© La Posta Svizzera)
Le ottimizzazioni negli edifici della Posta sono state realizzate in collaborazione con energo.

“Le ottimizzazioni negli edifici della Posta sono esemplari”, afferma Daniel Hänny, responsabile della sede energo della Svizzera tedesca. “Una netta riduzione del fabbisogno energetico è possibile in quasi tutte le principali palazzine di uffici.” E senza costosi lavori di ristrutturazione.

I sette edifici della Posta che sono riusciti a ridurre considerevolmente il loro fabbisogno energetico sono quelli di Basilea, Berna (la sede centrale a Schönburg), Friburgo e Losanna nonché i centri dei pacchi di Daillens (VD), Frauenfeld e Härkingen. Sono stati tutti lodati per le loro esemplari misure di ottimizzazione ed efficienza energetica da energo.

11 maggio 2011:
«Anche il riconoscimento sociale è uno stimolo al risparmio energetico»

Gli oltre 100 partecipanti all’evento organizzato per l’anniversario di energo hanno potuto assistere agli interventi di tre relatori con dichiarazioni incisive. La psicologa ambientale Dr. Gundula Hübner ha messo in luce il comportamento del singolo nel risparmio energetico.

«Potete tutti scalare l’Everest», ha affermato Dr. Oswald Oelz nel corso della sua relazione, «scoprire nuove frontiere». L’esperto di medicina delle altitudini nonché alpinista ha spezzato una lancia in favore di un buon lavoro di squadra, indispensabile per il successo dell’organizzazione di un progetto.

«Lo scenario ufficiale dei ministri internazionali dell’energia è del tutto irreale» – con queste tesi Pierre Veya, caporedattore di Le Temps, ha attirato il pubblico fornendo il punto di vista di un giornalista molto attento.

CH_20111019_PROFDROSWALDOELZ.JPG
Prof. Dr. Oswald Oelz
CH_20111910_DR_GUNDULA_HUEBNER.JPG
Dr. Gundula Hübner

Stampa

La Posta Svizzera
CH_20111019_PAKETZENTRUMHAERKINGEN.JPG
Centre « colis » de Härkingen (© La Poste Suisse)
Centro dei pacchi di Härkingen (© La Posta Svizzera)

Newsletter

Abbonati alla energo Newsletter
E-Mail: